recensioni

Il diavolo in testa

TITOLO: Il diavolo in testa 

AUTORE: Andrea Fedeli

CASA EDITRICE: Cubano Edizioni

 DATA DI PUBBLICAZIONE: 19 Aprile  2017

PAGINE: 107 

PREZZO CARTACEO/EBOOK: 10,99€ / 4,99€

VOTO: 8/10

DOVE ACQUISTARLO: Amazon


L’AUTORE

Classe 1981, Andrea Fedeli nasce a Codogno, in provincia di Lodi. Attualmente musicista compositore, è autore di numerose colonne sonore per il ben noto documentario televisivo di viaggi e avventura “Overland”, trasmesso da RAI Uno. Sino alla pubblicazione del suo primo romanzo, “Il Diavolo in Testa”, Andrea si è dedicato esclusivamente alla composizione musicale, riservando alla scrittura uno spazio marginale, ai limiti del semplice hobby.
Ma in questo rifugio immaginario trovato nella solitudine di un foglio bianco e una penna, Andrea ha lentamente riscoperto una forte passione, sfociata poi nell’esigenza e nel piacere di raccontare una storia veritiera. I modelli letterari di riferimento volano dalla pungente satira e dal coinvolgimento emozionale di Mark Twain alla suggestione narrativa di Bram Stoker, passando per la ricchezza di dettagli con cui Gabriel Garcia Marquez colora i suoi personaggi.
La vocazione per la scrittura ha forse origini ben più lontane, stuzzicata sin da piccolo dalle fiabe raccontate dalla nonna Dina: Andrea decide così di firmare il suo esordio da narratore con uno spaccato di attualità adolescenziale, quella complessa fase della vita di tutti in cui, per dirla con Calvino, “a volte uno si sente incompleto ed è soltanto giovane”.


SINOSSI

In un paesino di provincia, Luca e Mattia vivono la loro adolescenza uniti da una forte amicizia. Ma il loro legame sarà messo duramente alla prova dall’incontro con un’esperienza nuova: la marijuana e non solo.
Le strade dei due prenderanno percorsi diversi. Parallelamente entreranno a contatto, in modo violento, anche con un’altra esperienza cardine per la loro età adolescente: l’amore.
“Il Diavolo in Testa” descrive una storia avvincente e commovente, fatta di sentimenti autentici e attuali. Una grande storia nascosta nella quotidianità delle vite che ci passano accanto.


PRESENTAZIONE DEL LIBRO


RECENSIONE

Quanto siamo disposti a perdere pur di salvare un’amicizia? Quanto ci distruggiamo con Le nostre stesse mani?

Luca e Mattia, due amici inseparabili da sempre affrontano la loro adolescenza come ogni ragazzo della loro età. Luca fidanzato con Marta vive la sua storia d’amore che finalmente, sembra essere “ quella giusta” e Mattia si ritrova con una ragazza di nome Irene, che non approva per niente il legame che unisce Luca a Mattia, beh credo che la scelta di Mattia sia ovvia no? Luca. E poi c’è’ Sara, una ragazza costretta a non avere una vita sociale a causa dei suoi genitori che la costringono solo ad andare a scuola e a danza, fin quando un giorno si scontra con Mattia, e la sua vita da quell’incontro cambierà finalmente quella prigione che è costretta a vivere chiusa in casa.

“ Di vita ne hai una sola, non lasciare che nessuno te la rovini.”

Grazie a quell’incontro Mattia e Sara iniziano a vivere quella piccola storia d’amore che sembra sia sul punto di sbocciare, grazie anche all’aiuto dello zio di Sara, un uomo che Sara adora e che ritiene suo unico amico.
Ma Le cose vanno male invece per Luca, che da un giorno all’altro si allontana sempre di piu’ da Mattia senza una spiegazione, e da Marta, che ovviamente ne soffre molto. Come un battito di ciglia Luca si ritrova nel giro della droga, inizia a frequentare ragazzi che non possono che portargli solo guai. Inizia a mentire, mente a tutti senza mai smettere, quel Luca di una volta sembra non esistere più, sembra che non sia mai esistito.

“ Si, perché Le bugie sono proprio come la droga: quando si inizia con una non si può più smettere.”

E mentre Mattia cerca di fare il possibile per avvicinare quell’amico che ormai sembra troppo lontano.. Luca se la spassa tra droga, guai, e si.. anche “ vecchie fiamme “ ma c’è sempre Marta nei suoi pensieri assurdi. E proprio quando un giorno Mattia incontra Luca e costui gli offre un giro in macchina, si ritrova anche lui nei guai, in quel giro di scambio di droga e quando Mattia riesce a capacitarsi di cosa sta succedendo capisce che il suo vecchio migliore amico non l’avrebbe mai messo in un guaio simile, e proprio davanti a quella scena c’è ad assistere la mamma di Sara, e Mattia capisce che è davvero la fine, solo per essersi fidato di colui che riteneva ancora il suo migliore amico.
Quell’amore tra quei due adolescenti nato da poco spezzato così velocemente a causa di un malinteso che non si vuole ascoltare, fin quando non arriva lo zio che volente o nolente riesce a far parlare Mattia ai genitori di Sara, e quando entrambi capiscono che l’apparenza può ingannare, Mattia può finalmente godersi quell’amore con quella ragazza così’ semplice che gli ha rubato il cuore.
E quando un’amico di Luca colui che gli è stato vicino, se così si può dire, viene a mancare proprio per colpa di un’overdose, e’ proprio Mattia che da buon amico va a consolare Luca, ed e’ li’ che Luca capisce quanto ha perso a causa di quello stupido vizio, i suoi amici, La sua vita, Mattia, e Marta.. Marta che ancora continuava ad amarlo..

“ Lo amava oltre Le bruciature ingiallite sulle dita sottili e giovani..”

Sapevo fin dall’inizio, fin da quando ho scoperto di questo libro che mi sarebbe piaciuto senza deludermi, e’ così e’ stato. Una storia davvero “ reale “ si, perché tanti ragazzi della nostra età si sono ritrovati proprio come Luca, quel ragazzo che cercava solo di capire se stesso ma che alla fine, si è ritrovato a non capirci più nulla.
Un libro che secondo me, dovrebbero leggere tutti gli adolescenti, e che sempre a parer mio, dovrebbero leggerlo proprio quei ragazzi che si ritrovano nella situazione di Luca, magari o forse sicuramente capiranno che forse non ne vale la pena.
Una storia che mi ha coinvolta totalmente, essendo molto realistica, una lettura molto scorrevole, scritta in modo così giovanile, fresca, e per niente noiosa, si legge tutta d’un fiato. La copertina sopratutto che nella sua semplicità è così significativa. Questo libro di Droga e amore non può deludervi, quel diavolo in testa che uccide la maggior parte di questi adolescenti, deve essere ammonito.
Quindi che dirvi miei cari lettori, non posso che consigliarvi di leggerlo ne vale la pena.

Ringrazio Andrea Fedeli per avermi inviato il suo libro e per avermi dato la possibilità di conoscere questa storia che tanto desideravo. Faccio i complimenti come sempre alla fine di ogni recensione, per questo libro che non ha deluso Le mie aspettative, e spero altrettanto successo per altri libri che spero che verranno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...